Frosinone, "Piloni" e largo Turriziani. Ecco le gare d'appalto

2022-07-02 11:10:37 By : Ms. Monica Pan

Sono partite e termineranno rispettivamente il 15 luglio e il 18 luglio le gare d'appalto relative agli interventi di bonifica e di riqualificazione dei "Piloni" e di largo Turriziani. La procedura aperta, indetta dall'ufficio tecnico, coordinato dall'assessore ai lavori pubblici Angelo Retrosi, nelle scorse ore con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, porterà all'individuazione dei soggetti attuatori dei due progetti che daranno un nuovo volto all'intera zona, facendola diventare la nuova cartolina del capoluogo. Una tempistica che porta ragionevolmente a pensare che, per la fine di luglio, possa esserci la consegna dei lavori.

Piloni Attraverso il finanziamento di due milioni di euro ottenuto dalla seconda amministrazione Ottaviani, si procederà sia alla bonifica e al restauro conservativo delle arcate storiche del complesso dei Piloni, sia alla riqualificazione di largo Turriziani, realizzando una piazza pavimentata con materiali di pregio di oltre tremila metri quadri di estensione, che costituiranno il salotto e la terrazza della parte alta della città. All'estremità della nuova piazza, in corrispondenza dell'attuale area su cui poggia largo Turriziani, saranno inseriti dei distanziatori a scomparsa, in modo tale che sarà possibile delimitare, sia a sinistra sia a destra, la nuova superficie, rendendola fruibile sotto il punto di vista della pedonalizzazione, mentre il traffico veicolare sarà indirizzato verso via fratelli Bragaglia, prevedendo anche un doppio senso su via De Gasperi con rifunzionalizzazione di piazza VI dicembre che assumerà una nuova veste con una rotatoria. Con l'introduzione di un rondò sarà liberata un'area attigua all'immobile comunale.

Su viale Mazzini, inoltre, sarà installato un ascensore per il collegamento con corso della Repubblica, da cui, quindi, sarà possibile raggiungere la nuova sede comunale di piazzale Vittorio Veneto. Nello stesso contesto, saranno inseriti due ascensori in acciaio e vetro all'estremità dei Piloni che ricongiungeranno la parte bassa della struttura con la nuova piazza, a livello dell'odierno largo Turriziani, rendendo possibile la ricucitura del contesto urbano e sociale e favorendo, con il terzo ascensore che, come detto, sarà collocato nella zona di viale Mazzini, il collegamento con corso della Repubblica e con il nuovo palazzo comunale. Gli ascensori, inoltre, serviranno a rendere più efficiente e fruibile il multipiano, rispetto alla stessa struttura dei "Piloni", ove saranno ospitati piccoli esercizi commerciali, oltre che di artigianato, unitamente al coworking, in forma associata o in partnership, dove giovani professionisti potranno avviare le proprie attività grazie alle nuove superfici messe a disposizione dall'Amministrazione comunale.

Nel procedere al restyling, sono state privilegiate strutture leggere e non impattanti, mediante l'applicazione di ampie vetrate che comporranno diciotto volte, diciotto ambienti (che saranno affittati a un euro per dodici anni mediante un bando pubblico con spese di allestimento a carico dei conduttori con prelazione per i frusinati e per attività principali) dotati di una zona alta, soppalcata, e di una bassa, a disposizione di professionisti. Infine, a mezz'aria rispetto all'altezza dei Piloni, sarà realizzata una passerella pedonale in parallelo rispetto al piano stradale, da cui sarà possibile affacciarsi ed ammirare il contesto paesaggistico dell'intera valle del Frusinate, in un ambiente completamente rinnovato e sicuramente utile, nel quadro del recupero delle tradizioni e delle origini storiche del capoluogo. Secondo il disciplinare d'appalto i lavori dureranno 330 giorni. Si andrà così a concludere una delle azioni principali del piano di gestione "Frosinone Alta", portato avanti fino ad oggi dall'assessorato al centro storico coordinato da Rossella Testa, che ha affrontato in maniera sistemica il rilancio della parte antica della città, facendola tornare tra le più attrattive considerato l'aumento di locazioni e di compravendite di immobili che ci sono state in questi anni.

Largo Turriziani Secondo la scheda di progetto, l'intervento provvederà alla stabilizzazione del versante su cui si attesta largo Turriziani che, per la conformazione e le infiltrazioni d'acqua, necessita di una bonifica. Al livello sotto strada, sulle pareti di fondo delle campate interne di via Alcide De Gasperi si riscontra la continua presenza di acque reflue maleodoranti dovute probabilmente a falle nella rete fognaria, forse fratturata in corrispondenza dei cedimenti, che dalla parte alta della città confluisce ai collettori a valle. Sulle campate interne si riscontra all'interno dei setti in muratura, che separano la parete rocciosa dalle infrastrutture murarie, il copioso e continuo scorrimento di acque meteoriche.

Problemi cui si ovvierà con gli interventi che a breve partiranno. In particolare si procederà: alla realizzazione di opere di regimazione delle acque meteoriche e di risorgiva; a opere di consolidamento di versanti, di setti murari di contenimento e di spalle del viadotto; alla verifica e all'integrazione del sistema drenante a monte del Largo Turriziani; al recapito in fognatura delle acque convogliate a valle; alla sostituzione delle condutture dell'acquedotto obsolete; al recupero dei vani a valle praticamente interrati e alla ripavimentazione di largo Turriziani e di tratti di corso della Repubblica.

È prevista l'eliminazione del marciapiede dell'affaccio sui Piloni stessi, mentre la superficie di calpestio sotto il monumento dedicato alla memoria di Norberto Turriziani verrà resa omogenea, con una rivisitazione dello spazio tale da permettere la realizzazione di eventi all'interno del piccolo anfiteatro così ricavato. La piazza sarà completamente pedonale, con dissuasori a scomparsa per permettere l'ingresso dei mezzi di soccorso o dei fornitori delle attività commerciali che insistono sull'area. Una prospettiva nuova per tutta la zona che si candida fin da subito a diventare una delle zone più attrattive dell'intera provincia, grazie anche all'affaccio panoramico su tutta la valle del Sacco. Sulla base della stima effettuata dai tecnici, occorrerà circa un anno di lavoro, 304 giorni per la precisione, per portare a compimento tutte le opere previste nel progetto. Le due opere rappresentano l'ultimo tassello della riqualificazione del centro storico, dopo l'acquisto del "Nestor", la nuova sede dell'Accademia di Belle Arti, la riqualificazione in corso del teatro "delle Vittorie" e l'apertura della nuova sede comunale a Palazzo Munari.

Vuoi segnalare situazioni di degrado nel tuo comune? Un incidente? Una sagra di paese? Una manifestazione sportiva? Ora puoi. Basta mandare una foto corredata da un piccolo testo per e-mail oppure su Whatsapp specificando se si vuole essere citati nell’articolo o come autori delle foto. Ciociariaoggi si riserva di pubblicare o meno, senza nessun obbligo e a propria discrezione, le segnalazioni che arrivano. Il materiale inviato non verrà restituito

Registrati alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie